Liquida
lemanineicapelli | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

 
lemanineicapelli 
QUANDO LO SCETTICISMO SI TRADUCE IN UN SEMPLICE GESTO.
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Voglio Scendere
Studi e Proiezioni
Palestina Libera!
Orizzonti Nuovi
Cinema
Cinema
I Governi Italiani
Massimo Donadi
Blog di Beppe Grillo
L'Espresso
La Repubblica
Paul Ginsborg
2più2uguale5
Libero Fischio
Dagospia
Disinformazione
Informazio Corretta
Bluewitch
  cerca


 

diario | La Panchina Della Domenica | Domandare è Lecito | Cultura e dintorni | Pensieri Disagiati | Società in versi | Il Grande Cinema | Foreign Affairs | La Voce del Popolo | L'Angolo degli Esclusi | Dove osano le Mafie | Lettere dall'Italia | Scrittori senza gloria |
 
Diario
1visite.

21 febbraio 2016

In memoria di Gloria Rosboch


Le volontarie e i volontari del Movimento Lotta al Cybercrime e alle Truffe Affettive esprimono la propria vicinanza ai genitori Ettore e Marisa, ai familiari, amici e colleghi di Gloria e a tutto il paese di Castellamonte. Gloria è stata ammazzata dal cinismo dei suoi assassini e oltraggiata dai facili pregiudizi, odiosi quanto il pozzo in cui il suo corpo è stato gettato.
Riposa in Pace Gloria, non ti dimenticheremo.

Movimento Lotta al Cybercrime e alle Truffe Affettive

12 gennaio 2016

Falso principe azzurro del web liquidato senza troppi complimenti da imprenditrice di Cagliari

RICERCATO PER AUGURI
In questo periodo di feste e festeggiamenti, il Movimento Lotta al Cybercrime Italia fa i suoi auguri a tutte le persone che, allertate dai nostri allarmi, vigilano ed arginano, col loro comportamento, il dilagare delle truffe relazionali ed emozionali. Ai ricercati TRUFFACUORI  fa invece una bella pernacchia e afferma: " forse attualmente non siete facilmente punibili, ma non illudetevi, rendere il vostro sporco lavoro assai complicato si può! "
I cybertruffacuori non vincono sempre, anzi smascherarli si può e denunciarli si DEVE! E' importante se vogliamo partecipare ad una seria lotta alla truffa affettiva e relazionale che imperversa sul web.
Qui di seguito pubblichiamo la storia di Franca Maria Delogu che ci ha raccontato la sua storia nel novembre 2015. Abbiamo modificato il nominativo come richiestoci dall' imprenditrice, che per ragioni di privacy preferisce restare anonima.
"Circa due anni fa nel mese di luglio mi chiese l' amicizia un uomo molto affascinante dal nome JORDIE VERDANT, un ingegnere francese che, per motivi di lavoro, si era dovuto trasferire nel BENIN, stato dell'Africa Occidentale che si affaccia sul Golfo di Guinea e si trova tra il TOGO, la NIGERIA e il BURKINA FASO.
Iniziammo una relazione epistolare e lui mi disse che doveva sbrigare delle pratiche per avere l' eredità dei suoi genitori, che in Benin avevano costruito la loro fortuna. Mi confidò di sé una storia strappa lacrime, con sua moglie incinta morta in un incidente stradale! Incominciammo a chattare tutti i giorni e a sentirci telefonicamente. Era solito farmi uno squillo e poi io lo richiamavo. La nostra frequentazione virtuale è andata avanti per circa un anno.
Mi chiedeva soldi per le cose più disparate. Mi aveva addirittura detto di avere un tumore al cervello, di essere stato operato di appendicite e non avere i soldi per le medicine!!! Vedendo che io non inviavo denaro mi ha detto che voleva incontrarmi, e mi chiedeva i soldi del biglietto. Io, dal canto mio, gli chiesi di inviarmi fotocopia del suo documento di identità. Gli dissi che gli avrei fatto il biglietto e lo avrei pagato ma MAI gli avrei inviato denaro. A dire il vero non avrei MAI pagato il biglietto ad un uomo per conoscerlo. La mia fu una mossa per metterlo alla prova. E i miei sospetti erano fondati , cercava solo donne per rubar loro i soldi !!!
Una sera il suo chiedere in continuazione mi ha stancato e gli ho detto che non volevo più sentirlo! Gli dissi che aveva braccia e gambe per lavorare, mentre io ero sola con due figli e dovevo pensare a loro, e, che io di un gigoló non me ne facevo nulla. Da allora non l' ho più sentito, ma da me non ha preso un soldo!
Franca Maria Delogu , Cagliari 12 novembre 2015 "
Si ricorda che è importante ricevere storie vere che riguardano l'argomento delle truffe affettive, relazionali oppure sexy, amorose , erotiche, sentimentali, insomma tutte quelle storie che fanno leva sulle emozioni per raggirare le persone ignare di questo tipo di truffe, condotte dalle stesse bande di cybercriminali a cui diamo la caccia . Stiamo raccogliendole in un dossier " azzurro (che è il colore dei principi)" per dimostrare che il fenomeno è assai diffuso e che è possibile contrastarlo ed arginarlo sul nascere, rendendo note storie come queste .

Torino 4 gennaio 2016
Jolanda Bonino e Simona Manis Algisi - Commissione Stesura Casi Truffe Relazionali - Movimento Lotta al Cybercrime Italia

1 giugno 2015

Aprono il cuore e il portafogli : combattiamoli assieme

a MILANO il 30 maggio p.v.  il coordinamento del gruppo di volontarie e volontari

·      In questi ultimi anni, fra i vari tipi di truffa, è venuto sempre più alla ribalta il raggiro  sentimentale (escroquerie, arnaque, love-scam,)  classificato in Italia come   "truffa del principe azzurro", termine d'effetto ma assai riduttivo rispetto alla complessità dei sentimenti ed emozioni che va a toccare.  Prima,   attraverso forum, newsgroup, chat e siti internet , il fenomeno era meno evidente,   mentre ora , l'esplosione dei social network su scala mondiale  lo  ha reso  lampante perchè sta assumendo dimensioni davvero preoccupanti, come sostiene il Centro Europeo per la lotta al Cybercrime    EC3,  nato nella città de L'Aia (Paesi Bassi) nel 2011.

·      Ne ha  discusso il 28 aprile 2015 i


(Vittime Cyber Crine Piemonte ) presso l'Assessorato  dei Diritti in REGIONE PIEMONTE (prima istituzione italiana sensibile all'argomento ), nato a seguito della denuncia di una torinese colpita da una banda di cybercriminali e da altre donne che si sono confrontate su analoghe vicende e che sentono come missione e dovere civico mettersi in campo per combattere questo fenomeno .  "I raggiri messi in opera "- sostengono  "possono apparire truffe naif , così evidenti, tali da non credere si possano seriamente consumare,  ed invece sono truffe abilmente congegniate ed architettate da veri professionisti, dove dietro alle foto “rubate” di  attraenti cinquantenni e giovani donne lascive si nascondono individui qualificati e venali in grado di abusare dei più nobili sentimenti  (di colei o colui che ha aperto loro il cuore e il portafogli.

·       Web, , giornali   e  MI MANDA RAI 3 hanno dato spazio al problema  , favorendo in tal modo  la  crescita esponenziale del movimento  ?Lotta Cybercrime Cvcpi Italia  che ha già creato un profilo Facebook   https://www.facebook.com/profile.php?id=100009274703679&sk=about&section=education

 

·      E' nato anche  un   nucleo  operativo in  Alto Canavese (Piemonte) il 9 maggio u.s.  a Rivara (Torino)  ed il sindaco di RIVARA Ing. GIANLUCA QUARELLI ha immediatamente dato la sua disponibilità  nella ricerca di risorse intellettuali a sostegno della nostra iniziativa perchè  sono l'informazione e la conoscenza i migliori strumenti per combattere la cybercriminalità .

 

·       ll gruppo di volontarie e volontari  sta pian piano assumendo valenza nazionale   e per questo  

·      sabato 30 maggio 2015  a Milano si tenterà di creare un coordinamento a livello  nazionale.

·      In ultimo ed a conferma che il fenomeno  è criminoso  e  e che "la truffa dei sentimenti" fa parte del core-businnes  di organizzazioni transnazionali abilissime a truffare anche Pubbliche mministrazioni   ed  aziende , il Comitato VCCPI mette in luce    che il 28-05-2015, la collaborazione tra Agenzia europea di polizia Europol , FBI,  Finanzieri Nucleo  Polizia Tributaria Guardia di Finanza di Torino con  altri Reparti del Corpo, nell’ambito di indagini di polizia giudiziaria coordinate dalla Procura della Repubblica (pm Roberto Furlann di Torino)  ha reso possibile  l' arresto  di  10 persone (8 nigeriani , due italiani (uno di Collegno (TO) e  l'altro di Piadena (CR).  Nonostante questo successo NON illudiamoci di aver sconfitto  queste organizzazione internazionali dei crimini in rete:  numerosi contatti ci stanno informando che questi cyberdelinquenti continuano ad agire indisturbati   sul web e non solo.

·      Per informazioni :

·      -  vccp2015@gmail.com   - comunicazione.diritti@regione.piemonte.it

·      339 4111700  Jolanda  Bonino (Piemonte)  -   Raffaella Candelli (Lombardia) 345-7049277

 

COMITATO  VCCPI  (Vittime cybercrime in Piemonte e Italia) -  Sede 

Candelo  Via Padre Francesco Denza, 24   10152 TORINO

sfoglia
gennaio        marzo