Liquida
Inattese presenze - Adrian Paci alla Fondazione Corrente | lemanineicapelli | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

 
lemanineicapelli 
QUANDO LO SCETTICISMO SI TRADUCE IN UN SEMPLICE GESTO.
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Voglio Scendere
Studi e Proiezioni
Palestina Libera!
Orizzonti Nuovi
Cinema
Cinema
I Governi Italiani
Massimo Donadi
Blog di Beppe Grillo
L'Espresso
La Repubblica
Paul Ginsborg
2più2uguale5
Libero Fischio
Dagospia
Disinformazione
Informazio Corretta
Bluewitch
  cerca


 

diario | La Panchina Della Domenica | Domandare è Lecito | Cultura e dintorni | Pensieri Disagiati | Società in versi | Il Grande Cinema | Foreign Affairs | La Voce del Popolo | L'Angolo degli Esclusi | Dove osano le Mafie | Lettere dall'Italia | Scrittori senza gloria |
 
Diario
1visite.

28 febbraio 2011

Inattese presenze - Adrian Paci alla Fondazione Corrente


 

 

L'intervento di Adrian Paci nasce da un incontro con le immagini raccolte da Architetti Senza Frontiere Italia nell'arco di un anno: centinaia di scatti realizzati con una macchina fotografica usa-e-getta da immigrati nel territorio milanese.

I protagonisti si ritraggono lontano dai luoghi turistici della città, scoprendo i loro “luoghi dell'abitare”, soprattutto nell’hinterland di Milano, tra spazi privati e pubblici, immaginario della loro identità.

Scoprendo le storie degli altri attraverso i loro racconti spontanei, Adrian Paci interviene instaurando un rapporto partecipativo, coinvolgendo lo spettatore a fare lo stesso.

Nelle teche della Fondazione Corrente, una selezione di foto, montate in passpartout eleganti e dinamici, ritraggono momenti di ricreatività e impegno: i bambini che giocano; il bagnetto “forzato” nella doccia; le feste; la preghiera – tradizione e memoria; lo studio – testimonianza di volontà di integrazione; i parcheggi desolati – dignità del lavoro.

Le immagini rivelano da una parte la condizione di transizione e di instabilità propria dell'immigrazione, dall'altra parte comunicano una realtà vibrante, orgogliosa, un forte senso di vitalità e movimento.

Adrian Paci riesce a costruire nella mostra un percorso di “sensibilizzazione” dello spettatore e di attribuzione di senso, mantenendo un effetto di semplicità e immediatezza.

Al centro della sala, nell’intervento Inattese presenze, l’artista con sguardo attento parte da dettagli periferici per aprirsi a suggestioni poetiche e universali. C'è una qualità pittorica in queste sei immagini sgranate, piccole composizioni nate dalle foto “sbagliate”, in cui il dito sopra l’obiettivo fotografico, un errore comune familiare a tutti, diventa una possibilità di scelta espressiva.

I contorni fisici del dito, l’impronta digitale, si dissolvono: la presenza umana diventa una percezione che lo spettatore riesce a cogliere, spostando la sua attenzione dall'oggetto della fotografia al soggetto, che compare per la prima volta.

Nell'astrazione raggiunta, ciò che rimane sono tracce, molecole di identità umana.

Un sentire comune lega ai temi universali dell’abbandono della propria terra, la responsabilità di avere una famiglia, la casa come realtà fisica e simbolica.

Adrian Paci, con il suo sguardo, apre ad altri sguardi possibili, coscienti e consapevoli.

La proiezione in loop di tutte le immagini raccolte da Asf Italia conclude il percorso della mostra; le fotografie, dopo l'intervento dell'artista, riescono a scuotere l'interesse e la sensibilità di chi le guarda.

Nel bombardamento di immagini quotidiane, lasciando spazio a inattese visioni, conosciamo i nostri vicini e le loro testimonianze, vicende umane irripetibili.

In un momento di riflessione artistica e civile, prende voce il tema della responsabilità.


 

Deianira Amico

 

Immagini dell'abitare, il quotidiano con un altro sguardo

con l'intervento Inattese presenze di Adrian Paci

Fondazione Corrente, 1° marzo - 14 aprile, 2011


 

sfoglia
gennaio        marzo